Ho iniziato per caso, su consiglio di una cara amica, il corso di respiro consapevole. La curiosità soprattutto mi ha orientata verso questa attività all’apparenza strana e inconsueta.
Respirare? Lo faccio sempre ma non ci penso mai, come non penso al cuore che batte, mi dicevo.
Non sapevo che attraverso il respiro, tutto il mio corpo avrebbe respirato, traendone ossigeno e beneficio, che la mente stessa si sarebbe aperta verso nuovi orizzonti, che la mia consapevolezza nell’inconsapevolezza, si scusi il gioco di parole, avrebbe avuto un senso.
IO HO UN SENSO che prima non sapevo di avere.
IO MI VOGLIO RISPETTARE affinchè anche gli altri rispettino me.
IO HO FORZA, quella forza che tramite il respiro infonde energia e ritrovata fiducia.
Fin dal primo incontro con Elisabetta le emozioni vissute attraverso il respiro hanno dato sfogo alle mie lacrime, incontenibili e liberatorie. Gli incontri successivi e la possibilità di confronto con gli altri partecipanti al corso, mi hanno reso più forte e ho compreso che la respirazione non è solo inspirare ed espirare, bensì un esercizio ritmico che coinvolge tutte le parti del mio corpo. Inizialmente ho avvertito tremori e formicolii, ma queste temporanee sensazioni hanno poi lasciato spazio al rilassamento totale, alla pace interiore, alla mente finalmente sgombra da pensieri ossessivi.
Ogni “respirazione” creava un nuovo senso al mio obiettivo, cioè ad un maggior rispetto di me stessa.
Ho avuto fiducia e ne sono stata ampiamente ripagata.
Grazie Betty.